Depressione Mascherata

Si manifesta attraverso stati d’animo depressivi i cui sintomi, però, non sono eclatanti e vengono repressi dal soggetto. Nel linguaggio psicosomatico significa che la persona non può permettersi di mostrare il proprio dolore, si è nascosta dietro a esso. È difficile la diagnosi perché, apparentemente, il soggetto mostra equilibrio e gioia di vivere. La depressione sfocia in dolori fisici acuti o cronici. Caratterizza pazienti con patologie cardiache o degenerative. Tendenzialmente, chi soffre di questo tipo di depressione, porta nel cuore una morte irrisolta; non ha mai affrontato il lutto. Coprono la depressione con iperattività, forza di volontà, alte competenze. In famiglia si sono sentiti rifiutati da uno o più persone di riferimento e sentono di non essere stati desiderati; sono stati spesso oggetto di manipolazione fra genitori. Parti sofferenti di un triangolo, non hanno trovato il loro posto nella vita o faticano a collocarsi. Hanno ottenuto attenzione solo grazie ai risultati scolastici buoni o attraverso prestazioni eccellenti; a loro volta diventano manipolativi.

Lo stato d’animo a cui si fa riferimento per la depressione mascherata è rappresentato dall’essenza A. Questa essenza è spesso tratta in causa poichè è uno dei meccanismi di difesa più comuni. Davanti a traumi o a realtà pesanti l’Ego umano può reagire rimuovendo nell’inconscio alcuni dati che la ragione non è momentaneamente in grado di elaborare o affrontare. I dati censurati e rimossi dall’Ego vengono, appunto, immagazzinati nell’inconscio con tutta la carica emotiva negativa del momento in cui è avvenuta la rimozione. Questi dati tendono a emergere sotto forma di sogni “elaboratori”, attraverso i lapsus o per mezzo della somatizzazione.
Nel caso specifico della depressione mascherata l’essenza A. aiuta a far emergere la causa autentica che sta alla base della depressione. In questo caso l’aggiunta dell’essenza C.B. è di fondamentale importanza, in quanto porta a galla i bisogni repressi del soggetto che lo hanno indotto a questo tipo di depressione. Pertanto se alla base del problema ci fosse un trauma non risolto e questo emergesse con l’assunzione di A., si potrebbe riequilibrare con l’aggiunta dell’essenza S.B. in associazione a H. per stabilizzare l’eventuale rabbia che potrebbe emergere in seguito all’elaborazione del trauma (è importante evitare il “fai da te”!).

NOTA BENE: Questo testo è tratto dal libro Aleternativamente “funzioniamo” così, Eremon Edizion, è privato e protetto da ©Copyright. Leggete e condividete liberamente questa dispensa, avendo cura di non alterarla in nessuna sua parte, incluse le diciture iniziali e finali. E’ consentito inoltre trasmetterla solo gratuitamente a scopo informativo e non a scopo di lucro.

Donatella Pecora

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: