L’unione delle saggezze

L’unione delle saggezze mediche mondiali, antiche e moderne, ha la potenzialità di creare l’equilibrio essenziale alla salute dell’uomo nella sua trinità. Possiamo affermare che con l’evoluzione e la civilizzazione, l’uomo si è adeguato anche allo sviluppo di quelle malattie causate proprio dalla modernità, come l’inquinamento, lo stress, le intolleranze, le allergie, ecc., che si manifestano nel nostro corpo sotto forma di disturbo.
Questi e altri fattori a cui volenti o nolenti bisogna sottomettersi per esigenze abitative o lavorative, creano una reazione emotiva negativa alla realtà esterna che col tempo inclinerà il corpo energetico che, a sua volta, darà origine alla malattia.
L’eccessiva importanza che si dà al materialismo, ci ha fatto allontanare dall’essenza vera dell’uomo, credendo così di aver a che fare solo con la dimensione materiale.
Tutto ciò che è laboratorio va bene ma non è sufficiente. I medicinali chimici che anestetizzano il dolore sono accettati e indispensabili, ma non risolutivi; la chemioterapia, la chirurgia, sono tutte tecniche essenziali, ma non onnipotenti. Si sta perseverando nel finanziare solo le ricerche per “l’elisir di lunga vita”, cercando la causa solo in una disfunzione cellulare.
Mi rendo perfettamente conto di sembrare utopica sia per la radicalità medica e scientifica, sia perché ciò che sostengo si va a scontrare con la realtà degli interessi economici delle case farmaceutiche le cui basi sono fondate proprio sui brevetti che stanno dietro a qualunque farmaco. Non mi appello a un cambiamento dei medici allopatici, ma al buon senso di ogni persona con la capacità di porsi domande e di cercare le proprie risposte.
La medicina cura il corpo o, meglio, ormai fa miracoli; la branca della psicologia cerca di capire (con un decimo del quoziente intellettivo “sfruttato”) le funzioni totali della massa cerebrale; la psichiatria tenta di curare le eventuali disfunzioni con la chimica o la chirurgia. Ribadisco che va tutto bene, ma soffermiamoci a riflettere, fermiamoci e per un attimo siamo obiettivi sui nostri limiti e capacità, sul nostro modo di crederci uomini (fatti solo di materia).
A. Einstein sosteneva che se potessimo compattare la vera materia di un corpo umano, questa starebbe sulla punta di uno spillo, tutto il resto è spazio. La Fisica ci ha insegnato che c’è differenza tra ciò che una cosa è, e ciò che sembra. Per esempio, i muri di una casa, la scrivania su cui lavoriamo e anche il computer che ci appaiono solidi in realtà sono fatti in massima parte di spazio vuoto.
E’ così che gli atomi riempiono lo spazio. La massa nucleare dell’atomo costituisce il 99,9% della massa totale dell’atomo ed è concentrata in uno spazio minimo, mentre gli elettroni ruotano attorno al nucleo a notevoli distanze. L’atomo è dunque vuoto anche se a noi sembra che la materia sia del tutto piena. In conclusione mettendoci in discussione per primi, potremmo, nel nostro piccolo, imparare a conoscerci più profondamente, imparare ad ascoltare il nostro corpo e i chiari messaggi che ci trasmette col suo linguaggio, riuscendo così a correggere la causa primaria e generatrice di ogni disturbo fisico che risiede nell’Energia distorta, non in equilibrio. Associando il nostro lavoro a quello di specialisti anche della così detta medicina alternativa, abbiamo più possibilità di guarire nel corpo, nella mente e nell’anima, ossia olisticamente.
Donatella Pecora

NOTA BENE: Questo testo è tratto dal libro Aleternativamente “funzioniamo” così, Eremon Edizioni, è privato e protetto da ©Copyright. Leggete e condividete liberamente questa dispensa, avendo cura di non alterarla in nessuna sua parte, incluse le diciture iniziali e finali. E’ consentito inoltre trasmetterla solo gratuitamente a scopo informativo e non a scopo di lucro.

Donatella Pecora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: